Real World - Natsuo Kirino

luglio 14, 2016 Laura Franchin 0 Comments

Buongiorno, bookscatchers!
Qualche giorno fa vi avevo detto che avevo terminato di leggere Real World di Natsuo Kirino e oggi eccomi qui per parlarvene. Scusatemi se non ho postato prima la recensione, ma ho letto questo romanzo per Thriller Nord, con cui collaboro da poco, e quindi dovevo aspettare che essa fosse pubblicata prima sul loro sito.

TITOLO: Real World
AUTRICE: Natsuo Kirino
CASA EDITRICE: Neri Pozza
COLLANA: Bloom
PAGINE: 281
PREZZO DI COPERTINA: 15,50 €
EBOOK: 8,99 €
LINK PER L'ACQUISTO: Qui

SINOSSI
In un affollato quartiere residenziale di Tokyo quattro studentesse trascorrono un'estate caldissima preparandosi ad affrontare gli esami per l'ammissione all'università. Sono molto diverse tra loro: Toshi è affidabile e sicura, Yuzan riservata e malinconica, Terauchi ha un grande talento per gli studi, Kirarin occulta dietro la sua dolcezza un'attrazione morbosa per i comportamenti estremi. Un rumore inconsueto che proviene da un appartamento stravolge improvvisamente il loro destino: il vicino di casa, un liceale che le quattro amiche chiamano il Vermiciattolo, ha ucciso la madre ed è scappato con la bici e il cellulare di una di loro. In fuga dalla polizia, il giovane assassino inizia a contemplare affascinato il proprio volto riprodotto in fotografie e servizi televisivi, assapora l'improvvisa visibilità mediatica, il racconto della sua vita riscritto da giornalisti e reporter, e asseconda la curiosità collettiva intorno alle ragioni che lo hanno spinto a uccidere. Il pigro distacco del giovane si trasforma progressivamente in una consapevolezza crudele: insensibile alle conseguenze del suo crimine, vuole che le ragazze scrivano per lui un manifesto filosofico che esalti la lucida follia delle sue azioni... Immerse in una vita di chat, sms e Reality TV, le quattro adolescenti scoprono un mondo scabroso e brutale. Una realtà popolata di ragazzi in attesa di un esempio, di una guida che li riscatti dalla noia di un sistema che non sa comprendere la loro diversità.



RECENSIONE
Era la prima volta che prendevo in mano un romanzo scritto da Natsuo Kirino e devo ammettere che, leggendo la sinossi di Real World, mi sarei aspettata qualcosa di più.
Con questo romanzo ci troviamo di fronte a una società completamente negativa in cui i ragazzi hanno istinti omicidi verso amici e genitori; ci troviamo in un Giappone dominato dal caos, che non ho per nulla sentito vicino a me.
Leggendo le pagine di Real World è come se fossi entrata in un universo parallelo: anche da noi avvengono molte tragedie – soprattutto ultimamente – ma in questo libro esse sono all’ordine del giorno, sembrano enfatizzate e chi le compie è visto come una sorta di eroe.
Da una parte sembra che il male e le disavventure che ricordano le protagoniste della storia siano, giustamente, classificate come negative; dall’altra, però, anche loro si lasciano incantare da questo lato oscuro e cedono alla tentazione di aiutare un assassino.
La psicologia dei personaggi è indagata in maniera molto approfondita – a ognuno sono dedicati interi capitoli – ma talvolta sembra che l’autrice vada volutamente fuori tema e racconti alcune esperienze dei protagonisti solo per “allungare” il romanzo e non per farceli conoscere meglio. Nonostante i loro caratteri siano ben delineati, spesso essi si contraddicono e non prendono alcuna posizione nel corso del romanzo; inoltre, le protagoniste femminili, in particolar modo, sono molto immature per avere diciassette o diciotto anni.
Lo stile è semplice e abbastanza scorrevole e in alcuni passaggi è molto forte e provocatorio; il finale della storia è la parte più interessante e sconvolgente, ma, purtroppo, Natsuo Kirino non è stata in grado di coinvolgermi e di farmi amare il suo romanzo.



You Might Also Like

0 commenti: