[Hey, what's up?] Codice Scriba & Nemesis Games. L'esodo

novembre 29, 2016 Laura Franchin 0 Comments


Buongiorno, lettori!
Durante questo mese Fanucci Editore mi ha chiesto di segnalare due new entry molto, molto interessanti. Purtroppo riesco a farvele vedere solo adesso, ma fatemi sapere se vi intrigano!

TITOLO: CODICE SCRIBA
AUTORE: Sergio Fanucci
CASA EDITRICE: Fanucci Editore
PAGINE: 528
PREZZO: 20,00 €
EBOOK: 9,99 €


SINOSSI
New York. Reduce da un caso in cui ha rischiato la vita, l’avvocato Elisabeth Scorsese accetta di difendere Jonathan Brimley, fondatore di un prestigioso studio di consulenza finanziaria, in una causa contro il governo degli Stati Uniti. Ma il suo cliente muore nel carcere in cui è rinchiuso in attesa di processo: il killer è una donna che sta sfidando i sistemi di sicurezza e le polizie di mezzo mondo. Chi l’ha assoldata e perché? Quando le vittime si moltiplicano, anche il distretto del capitano Hoffman comincia a indagare ma senza il contributo di Peter Makarov, il suo detective migliore, sospeso per un errore del passato. In poco tempo prende vita una trama oscura in cui finanza, politica e servizi segreti sono impegnati in una guerra spietata per il controllo di una nuova risorsa che rivoluzionerà il futuro dell’economia. Ben presto, Elisabeth si rende conto di essere finita in una trappola in cui un’élite senza volto manovra il destino del mondo fin dagli albori della civiltà attraverso la conoscenza. Dalle indagini emergono altre inquietanti verità: sua madre Caterina, una spia data per morta da anni, è viva e sembra avere a che fare con gli eventi che stanno minacciando la sua incolumità…
Codice Scriba è un viaggio nelle profondità del potere occulto, dove i confini tra criminalità ed economia si fanno più labili e il bene e il male sono ugualmente pericolosi, in un susseguirsi di colpi di scena che terranno il lettore inchiodato dalla prima all’ultima pagina.

❧  ❧  ❧  ❧  ❧  ❧  ❧ 

TITOLO: NEMESIS GAMES. L'ESODO
AUTORE: James S. A. Corey
CASA EDITRICE: Fanucci Editore
PREZZO: 19,00 €
IN TUTTE LE LIBRERIE DAL: 1 dicembre 2016
EBOOK: 4,99 € (già disponibile dal 17 novembre)


SINOSSI
Mille nuovi mondi sono adesso raggiungibili. Il più grande esodo della storia del genere umano sta per iniziare. Mentre orde di coloni partono alla volta dei nuovi orizzonti, le vecchie strutture di potere del sistema solare sono prossime a crollare. Intere flotte scompaiono, i sistemi di difesa sono inermi di fronte alla forza degli eserciti di coloro che bramano il potere, il terrore manda a segno attacchi prima d’ora impensabili, che mettono in ginocchio i pianeti interni. È come se gli uomini dovessero scontare la colpa di essersi spinti oltre l’immaginabile, al di là delle proprie possibilità, prendendo possesso del destino dell’universo. James Holden e l’equipaggio della Rocinante dovranno lottare per sopravvivere in un mondo in cui l’ordine è mantenuto con la forza e la legge è stabilita dalla violenza. La loro missione è fare ritorno alla casa che hanno lasciato e ripercorrere a ritroso la via che li ha condotti nella nuova era, in un futuro che non avrebbero mai immaginato.
Il quinto romanzo di una grandiosa space opera, un viaggio entusiasmante verso la nuova frontiera della fantascienza.

0 commenti:

Blue - Kerstin Gier

novembre 28, 2016 Laura Franchin 2 Comments


Buongiorno, bookscatchers!
Finalmente ieri sera sono riuscita a terminare Blue, il secondo romanzo della Trilogia delle gemme di Kerstin Gier, e oggi sono qui per parlarvene.

TITOLO: BLUE
AUTRICE: Kerstin Gier
CASA EDITRICE: Corbaccio
PAGINE: 345
PREZZO DI COPERTINA: 16,60 €
EBOOK: 7,99 €
LINK PER L'ACQUISTOQui
Disponibile anche la ristampa da parte della casa editrice TEA. Per tutte le info, cliccate qui.

SINOSSI
"Molto probabilmente il mio organismo aveva prodotto più adrenalina negli ultimi giorni che nei sedici anni precedenti. Erano successe così tante cose e avevo avuto così poco tempo per riflettere" Gwendolyn ha tutte le ragioni di questo mondo per pensarla così. Ha appena scoperto di non essere una normale ragazza londinese, bensì una viaggiatrice nel tempo che i Guardiani - una setti segreta che ha sede nel dedalo di vie intorno a Temple Church - inviano nelle epoche passate per prelevare una goccia di sangue dai dodici prescelti e completare il cronografo, una missione da cui dipende il destino dell'umanità. Peccato che la sua famiglia non l'avesse informata perché tutti erano convinti che la predestinata fosse l'odiosa cugina Charlotte e peccato che, di conseguenza, Gwen avesse trascorso gli ultimi sedici anni della propria vita a studiare (poco), giocare (molto), chiacchierare e divertirsi con le amiche come ogni ragazza. Mentre avrebbe dovuto imparare a tirare di scherma, ballare il minuetto, apprendere nozioni di storia universale e conversare in modo appropriato con l'aristocrazia del Settecento. Quasi tutto, nella sua nuova situazione, la infastidisce: essere sballottata avanti e indietro nei secoli, la supponenza mista a invidia della cugina Charlotte, la noia delle lezioni di ballo e portamento... Poche cose le piacciono: il piccolo gargoyle fantasma Xemerius, che solo lei Gwen può vedere e, naturalmente, il suo compagno di viaggi nel tempo: Gideon, bello da morire...


RECENSIONE
Quest'estate ho letto il primo volume della trilogia, Red (se volete, trovate la recensione qui), e non vedevo davvero l'ora di iniziare anche Blue per continuare la serie e per tornare a Londra, nel mondo di Gwen.
Sinceramente, ho trovato l'inizio del libro un po' lento e, inoltre, mi è sembrato fin dal secondo capitolo che Gwen si fosse rammollita da quando Gideon l'aveva baciata nel confessionale. Effettivamente, andando avanti nella lettura mi sono resa conto che per amore la nostra protagonista ritorna veramente a essere come una bambina capricciosa e gelosa per ogni minima cosa (alcuni discorsi che fa danno sui nervi e a volte non stanno né in cielo né in terra), però posso dire di averla in qualche modo giustificata: alla fine, Gideon è la sua prima cotta... più o meno tutti siamo passati in un periodo in cui vivevamo nel nostro mondo, fatto di arcobaleni, unicorni e cuoricini.
Anche Leslie, che nel primo libro mi era piaciuta davvero tantissimo, in questo secondo capitolo ha i suoi momenti di immaturità, ma va beh, giustifichiamo anche lei.
Il demone, Xemerius, è il mio personaggio preferito in assoluto, perché non ha peli sulla lingua (anche se nessuno, ad eccezione di Gwen, può sentirlo), è simpatico, allegro... e anche un po' logorroico.
Nonostante, quindi, il comportamento della protagonista e la "storia d'amore" tra lei e Gideon - che mi sembra un'onda del mare: prima c'è, poi non c'è, dopo si baciano ancora, poi si ignorano del tutto -, Blue mi è piaciuto particolarmente per tutta la storia che coinvolge anche Lucas e per ciò che Lucy e Paul vedono fare al Conte nel primo capitolo: in alcuni momenti non riuscivo a smettere di leggere, dovevo andare avanti per sapere cosa sarebbe successo.
Il finale mi ha lasciata un po' spiazzata (soprattutto per l'affermazione di Gideon, che ti porta a pensare "Mi stai prendendo in giro, vero? Hai fatto tutto questo casino per poi dire quel maledetto sì?" - chi ha letto il libro può capire) ma non vedo l'ora di continuare la saga con la lettura di Green per scoprire, finalmente, cos'ha in mente il Conte.


2 commenti:

[Hey, what's up?] La profezia di mezzanotte - Irena Brignull

novembre 25, 2016 Laura Franchin 0 Comments


Buonasera, lettori!
Dovevo postare questa segnalazione oggi pomeriggio, ma per impegni vari non sono riuscita a pubblicare il post fino ad ora: chiedo venia.
Comunque, veniamo a noi. Tra qualche giorno, infatti, uscirà in tutte le librerie un nuovo fantasy firmato De Agostini ed eccomi qui per darvi qualche informazione in più.

TITOLO: LA PROFEZIA DELLA MEZZANOTTE
AUTRICE: Irena Brignull
CASA EDITRICE: De Agostini
PAGINE: 480
PREZZO: 15,90 €
DATA DI PUBBLICAZIONE: 29 novembre 2016


SINOSSI
Per quattordici, lunghi anni Poppy Hopper ha cercato di ingannare tutti, persino se stessa. Ha finto di essere una ragazza come tante, mentre i gatti la seguivano ovunque, i ragni tessevano tele complicate intorno a lei e gli elementi della natura sembravano rispondere al suo volere. Anche Ember Hawkweed ha sempre fatto di tutto pur di sentirsi normale: una normalissima strega come le altre. Ma se le sue amiche eccellevano nelle arti magiche, creando pozioni e incantesimi, lei riusciva solo a preparare unguenti e bolle di sapone. Quando Poppy ed Ember si incontrano, però, le cose cambiano. Le due ragazze capiscono subito di essere più simili di quanto avrebbero mai potuto immaginare. Entrambe sanno di non appartenere al mondo in cui vivono, ed entrambe vogliono scoprire la verità. Chi sono realmente? Quale legame misterioso le unisce? Insieme, Poppy ed Ember sono pronte a qualsiasi cosa pur di trovare le risposte che cercano. Anche ad affrontare una pericolosa profezia che affonda le radici nella notte dei tempi.


L'AUTRICE
Irena Brignull è di origini greche, ma vive con la sua famiglia a Londra. Ha studiato Letteratura inglese alla Oxford University. È stata la sceneggiatrice di molti film di successo, tra cui Boxtrolls, Il Piccolo Principe e Shakespeare in Love. Nel suo tempo libero ama leggere e guardare film. La Profezia di Mezzanotte è il suo primo, straordinario romanzo.



Se volete leggerlo in inglese, questo è il titolo originale del libro.


0 commenti:

Animali Fantastici Booktag (Original)

novembre 20, 2016 Laura Franchin 8 Comments


Buongiorno, bookscatchers!
Ieri sera sono finalmente andata al cinema con il mio ragazzo a vedere Animali fantastici e dove trovarli e mi è piaciuto tantissimo. Penso che gli attori siano stati favolosi e che Yates abbia fatto davvero un ottimo lavoro: se non lo avete ancora fatto, correte a vederlo perché merita!
Ecco che quindi, dopo la magnifica serata trascorsa, ho pensato di creare un booktag...
Signore e signori, vi presento l'Animali Fantastici Booktag (che inventiva, eh?).
Iniziamo!



1. Asticello (Bowtruckle)
Creatura custode degli alberi, è immensamente difficile da riconoscere, essendo piccolo (l'altezza massima è di venti centimetri), ed è apparentemente fatto di corteccia e legnetti, con due piccoli occhi marroni.
Il libro più piccolo che possiedi.
Escludendo proprio Animali fantastici: dove trovarli, il libro più piccolo che possiedo è Il Quidditch attraverso i secoli, che conta 82 pagine.


2. Celestino (Billywig)
È un insetto originario dell'Australia, è lungo circa 1,2 centimetri e di un vivace blu zaffiro; le sue ali sono fissate in cima alla testa e girano molto in fretta e all'estremità del corpo reca un lungo pungiglione sottile. Chi è punto da un Celestino soffre di vertigini seguite da levitazione.
Qual è, secondo te, una lettura "leggera"?
Una lettura assolutamente non impegnativa che mi è particolarmente piaciuta è quella de Il figlio del cimitero di Neil Gaiman. Si legge davvero in pochissimo tempo, ma è coinvolgente e appassionante.


3. Demiguise
Vive in Estremo Oriente, ma è molto difficile da trovare, perché è in grado di rendersi invisibile quando minacciato. Riesce a prevedere ciò che avverrà entro breve tempo e, quindi, per catturarlo si consiglia di non essere prevedibili.
Quale libro ti ha colpito, perché gli avvenimenti presenti nella storia ti hanno colto di sorpresa?
Per questa domanda, ho scelto Incubo di Wulf Dorn, perché non mi sarei mai aspettata un finale del genere: assolutamente geniale.


4. Erumpent
L'Erumpent è una grossa bestia grigia africana di grande potenza. Il suo corno può perforare qualsiasi materiale e contiene un fluido mortale che provoca l'esplosione di qualsiasi cosa venga trafitta.
Qual è un libro che ti ha segnato profondamente (positivamente o negativamente)?
Quando ero piccola, mio papà mi leggeva ogni sera un capitolo de Lo Hobbit di J. R. R. Tolkien. Questo è stato il romanzo che mi ha spinto a leggere e che mi ha permesso di vivere centinaia di vite.


5. Graphorn
Grosso, di un viola grigiastro, con la gobba, ha due corna molto lunghe e affilate, cammina su grosse zampe dotate di quattro dita ed è di natura estremamente aggressiva. È un animale molto raro.
Hai un'edizione che non si trova più in giro?
Fortunatamente possiedo la prima edizione dei primi tre libri di Harry Potter. Con tutte le ristampe che ci sono in giro, ormai quella è quasi introvabile.


6. Occamy
L'Occamy è una bestia piuttosto schiva, ma diventa aggressiva nei confronti di tutti coloro che gli si avvicinano, soprattutto in difesa delle sue uova, dal guscio fatto dell'argento più puro e liscio; inoltre, è in grado di occupare qualsiasi tipo di spazio.
Un libro che leggeresti in qualunque situazione.
Ci sono tantissimi libri che mi sono piaciuti e che rileggerei volentieri, ma - senza citare un classico o ancora Harry Potter - a questa domanda rispondo La moglie del califfo di Renee Ahdieh, un romanzo che consiglierei a tutti e che, secondo me, va letto una volta nella vita.


7. Purvincolo (Murtlap)
Questa creatura è simile a un topo ed è abbastanza aggressivo. Anche se non è molto bello, le appendici che ha sulla schiena - simili a un anemone di mare -, se messe in salamoia e mangiate, accrescono la resistenza a incantesimi e maledizioni.
Qual è un libro che hai imparato ad apprezzare durante la lettura?
Cinder di Marissa Meyer inizialmente non mi coinvolgeva fino in fondo, ma poi mi ha catturata e mi ha tenuta incollata alle pagine.


8. Snaso (Niffler)
Soffice, nera e dotata di un lungo muso, questa creatura sotterranea ha una predilezione per tutte le cose luccicanti.
L'edizione più appariscente che possiedi.
L'edizione che ho acquistato quest'estate a Londra di The Sonnets and Lover's Coplaints di Shakespeare è probabilmente la più appariscente che ho nella mia libreria.


9. Tuono alato (Thunderbird)
Il Tuono alato è un grande uccello, nativo dell'Arizona, che grazie a un battito d'ali riesce a provocare una tempesta e che riesce a percepire il pericolo. Una delle case di Ilvermorny porta il nome di questa creatura fantastica.
Un libro che sconsiglieresti, da cui vorresti mettere in guardia i lettori.
Assolutamente Real World di Natsuo Kirino, un libro che non mi è per nulla piaciuto e che ho trovato volgare e fuori luogo.


10. Velenottero (Swooping Evil)
Un po' farfalla un po' rettile, il Velenottero vive nel suo verde bozzolo, ma quando dispiega le ali diventa irresistibile. Risulta imbattibile per cancellare i brutti ricordi.
Qual è il libro di cui non ti ricordi il finale o alcuni passaggi?
A questa domanda devo rispondere, a malincuore, Le cronache di Narnia (lo so, non è un solo libro, ma fatemela passare).


Benissimo, lettori, il booktag è finito! 
Spero che vi sia piaciuto. Invito chiunque voglia farlo e a rispondere alle dieci domande dell'Animali Fantastici Booktag.
 

8 commenti:

Spiderwick. Le cronache - Tony DiTerlizzi & Holly Black

novembre 17, 2016 Laura Franchin 0 Comments


Buon pomeriggio, bookscatchers!
Stamattina ho letto le ultime 50 pagine de Le cronache di Spiderwick ed eccomi qui per parlarvene. Pronti per una bella recensione?

TITOLO: SPIDERWICK. LE CRONACHE
AUTORE: Tony DiTerlizzi & Holly Black
CASA EDITRICE: Mondadori
PAGINE: 506
PREZZO DI COPERTINA: 18,00 €
LINK PER L'ACQUISTOQui

SINOSSI
Ecco la raccolta dei primi cinque volumi di "Spiderwick". Un'occasione per ripercorrere tutta la storia dei tre fratelli Grace: il preoccupato Jared (nove anni); il suo gemello Simon appassionato di libri; e la loro sorella, Mallory (tredici anni). Trasferitisi insieme alla madre nella vecchia magione vittoriana di Spiderwick, hanno scoperto un brownie, un dispettoso folletto che vive nelle pareti, furioso perché gli hanno involontariamente distrutto il "nido", e che li bersaglia di scherzi. Passando attraverso un antico portavivande, hanno trovato una misteriosa biblioteca dove è conservato un tomo di magia che svela tutti i segreti degli esseri fatati e che ha aperto loro gli occhi sul mondo invisibile e a volte pericoloso abitato da draghi, boggarts, phookas, fate, spiriti e goblin che sta attorno a loro.


RECENSIONE
Sono davvero felice di aver finalmente letto questo libro perché era da mesi che volevo iniziarlo e, soprattutto, sono contentissima di aver comprato questa edizione per due motivi.
Innanzitutto, guardate la copertina: non è stupenda? A me si sono illuminati gli occhi nell'istante in cui l'ho vista. Il secondo motivo è il fatto che in Spiderwick. Le cronache sono raccolti tutti i libri che parlano delle avventure dei fratelli Grace (sono inclusi anche dei capitoli aggiuntivi alla fine della storia).
Secondo me, infatti, i libri presi singolarmente vogliono dire ben poco: nonostante ci sia un climax ascendente di tensione, grazie al susseguirsi delle avventure di Jared, Simon e Mallory, quello che mi ha fatto veramente amare il libro è stato leggere tutti e cinque i libri insieme e continuare la storia senza interruzioni, pagina dopo pagina, parola dopo parola.
La raccolta si legge davvero in pochissimo tempo - ricordate che è un libro che può essere letto dai 9 anni - e la storia è scorrevole e coinvolgente.
Bellissimo è lo sviluppo del rapporto tra i tre ragazzi e di quello che tutti e tre riescono a instaurare con i propri familiari e con le creature magiche che incontrano durante tutto il loro viaggio.
Il personaggio che mi è piaciuto di più - anche se, forse, sono scontata - è Jared, perché questo romanzo rappresenta, più per lui che per il resto della sua famiglia, un viaggio di formazione: da bambino in cerca di attenzioni e incerto, infatti, egli diventa un ragazzo curioso e, soprattutto, coraggioso.
Ho adorato l'elemento della biblioteca nascosta e l'idea del Libro dei Segreti è geniale. Inoltre, le creature magiche presenti nei libri non sono eccessivamente tante e questo ha permesso agli autori di descriverle in maniera impeccabile. E se per "gli umani" ho amato il personaggio di Jared, per quanto riguarda il mondo magico non posso non citare Giangoccetto (a cui, però, avrei dato maggiore spazio) e il suo modo di parlare: fantastico.
Infine, credo che il punto forte di Spiderwick. Le cronache siano le stupende illustrazioni di Tony DiTerlizzi: nella loro semplicità sono riuscite completamente ad ammaliarmi.



0 commenti:

[Hey, what's up?] Viola e verde - Pamela Della Mina

novembre 14, 2016 Laura Franchin 0 Comments


Buongiorno, lettori!
Dal momento che sono in treno, ne approfitto per segnalarvi un romanzo che non potete assolutamente perdervi: Viola e verde di Pamela Della Mina. Vi attira?

TITOLO: VIOLA E VERDE
AUTRICE: Pamela Della Mina
CASA EDITRICE: Antonio Tombolini Editore
FORMATO: Epub/Kindle
PREZZO: 4,99 € (1,99 € fino al 10 dicembre)
LINK PER L'ACQUISTO: Qui


SINOSSI
Futura ha vent’anni, parla poco e osserva molto, affacciandosi al mondo da dietro i suoi occhi viola e verdi. Conserva le emozioni ben schedate in un archivio, nell’armadio di fianco al letto. Le ha messe in ordine alfabetico, ma solo per il gusto di aprirle a caso.
Intrappolata in una relazione insana, si logora e crogiola nel dolore, vittima di una dipendenza affettiva dalla quale sembra non vedere né volere vie di scampo.
Come si può desiderare l’amore se non si sa riconoscerlo?
Saranno le amiche d’infanzia a spronarla a reagire e rituffarsi nella vita, dopo alcuni timidi tentativi di farla finita.
Viola e verde è un racconto di rabbia indomabile e amore inevitabile, dal finale a sorpresa, ambientato in una grigia Milano annoiata.
Un incantesimo che fa rimbalzare il lettore tra i propri estremi, in un percorso a ostacoli verso l’accettazione di se stessi, una vita a due colori, a più velocità.
Che sia per tutti una bicromia da esprimere come sinfonia e non come assoli stonati. O forse no.


L'AUTRICE
Pamela Della Mina nasce in Brianza nel mezzo del decennio più policromatico del secolo scorso.
Frequenta l’Universidad Politècnica de Valencia e l’Università degli Studi di Milano, laureandosi in Chimica Applicata e Ambientale.
Collabora come Ricercatrice a progetti in campo biomedico e tecnologico.






0 commenti:

[Classici senza età] Fahrenheit 451 - Ray Bradbury

novembre 10, 2016 Laura Franchin 0 Comments


Buongiorno, bookscatchers!
Novembre è iniziato da qualche giorno e io sono già in ritardo sulla tabella di marcia del blog (sì, sono un disastro). Quindi, oggi, eccomi qui per recensirvi un classico che - anche se non mi ha fatto impazzire - credo che tutti dovrebbero leggere almeno una volta nella vita. Sto parlando di Fahrenheit 451 di Ray Bradbury, da cui è stato tratto l'omonimo film del 1966 diretto da Truffaut.

TITOLO: FAHRENHEIT 451
AUTORE: Ray Bradbury
EDIZIONE SPECIALE PER: Famiglia Cristiana
ANNO DELLA MIA EDIZIONE: 1998
PAGINE: 176
LINK PER L'ACQUISTO (Edizione Mondadori)Qui
PREZZO DI COPERTINA: 12,00 €


SINOSSI
Non è pura e semplice fantascienza, quella di Ray Bradbury. Il suo è un futuro spaventosamente vicino. Nel presente-futuro di "Fahrenheit 451" non si leggono più libri, anzi si bruciano, perché tutti devono essere uguali, e nei libri, invece, si impara la differenza. È un presente dedito al piacere, ai titillamenti in abbondanza, allo svago per lo svago, a forme di distrazione che sanno di dipendenza. Dove si vuole soltanto essere allegri, spensierati, sereni. Non pensare. Com'è possibile allora, in una simile società felice, dimenticare di essere felici? Il volume è corredato da esclusivi contenuti extra, spunti e approfondimenti nella cultura contemporanea: film e serie TV, musica, arte, libri, fumetti e graphic novel.


RECENSIONE
Non avevo mai preso in mano nessun libro di Bradbury (shame on me!) ma grazie al Gruppo di Lettura - cliccate qui per saperne di più - a ottobre sono finalmente riuscita a leggere Fahrenheit 451 (temperatura necessaria per la combustione della carta).
Ora che l'ho terminato, però, devo ammettere che non mi ha fatto impazzire per diversi motivi.
Nonostante abbia amato la simbologia presente nel libro, ho trovato lo stile di Bradbury molto strano: se da una parte, infatti, è semplice e scorrevole nei dialoghi tra i personaggi, dall'altra è più elaborato e un po' troppo pomposo nelle descrizioni.
Il secondo "problema" del libro, poi, riguarda i personaggi. Sicuramente è stata una scelta dell'autore, però li ho trovati tutti (fatta eccezione solo di Faber e Beatty) pesanti e noiosi; inoltre, quelli secondari sono davvero poco indagati: mi sarebbe piaciuto saperne di più sulla vita e le idee del capo degli incendiari (dei pompieri al contrario che, invece di spegnere il fuoco, bruciano i libri - sacrilegio!), su Clarisse e la sua famiglia e - per quanto fosse odiosa - anche su certi comportamenti della moglie di Montag, il nostro protagonista. Purtroppo ho trovato anche quest'ultimo abbastanza fastidioso e detestabile: vuole a tutti i cambiare la situazione, ma sembra che tutto ciò che fa sia indirizzato verso il sabotaggio della sua missione.
Nonostante, quindi, ci siano parecchie caratteristiche del libro che non mi hanno convinta fino in fondo, va detto che sicuramente Bradbury ha racchiuso nelle pochissime pagine di Fahrenheit 451 un messaggio importantissimo. In questo romanzo il consumismo e la tecnologia spingono l'uomo a non avere idee, a dipendere completamente da altre persone e ad agire come delle macchine e, grazie al rapidissimo cambiamento di Montag, che da incendiario diventa bibliofilo - o meglio, paradossalmente diventa egli stesso una sorta di libro -, il lettore è chiamato a porsi delle domande e a confrontarsi con il presente.
Ormai noi siamo stati completamente soggiogati dalla tecnologia e dal suo sviluppo, tanto da permettere che i bambini giochino con un tablet, piuttosto che con i Lego (è solo un esempio, ovviamente): a che punto saremo tra venti, quaranta o cento anni?


0 commenti: