Arrivederci tra le stelle - Jack Cheng

luglio 29, 2017 Laura Franchin 0 Comments


Buona sera a tutti!
Finalmente sono nella mia bellissima Val Badia e, di conseguenza, nei prossimi giorni temo di non essere molto attiva qui sul blog (se volete seguirmi su Instagram, comunque, cercherò di tenervi il più aggiornati possibile circa le mie letture).
Arrivederci tra le stelle, uno dei libri che avevo inserito nella mia lista per la BookTubeAThon, credo che purtroppo determini la fine della mia partecipazione a questa sfida. A causa della preparazione delle valigie e di altri impegni vari, durante questa settimana, infatti, sono riuscita a leggere davvero pochissimo: oltre ad aver terminato questo romanzo, ho iniziato solamente Shadowhunters. Città di ossa. (Shame on me!)
Detto questo, vi lascio alla mia opinione sul romanzo di Jack Cheng.

TITOLO: ARRIVEDERCI TRA LE STELLE
AUTORE: Jack Cheng
CASA EDITRICE: Bompiani
PAGINE: 256
PREZZO DI COPERTINA: 15,00 €
EBOOK: 9,99 €
LINK PER L'ACQUISTOQui

SINOSSI
Alex Petroski ha undici anni, ama lo spazio e i razzi, sua madre, suo fratello Ronnie e il suo cane, Carl Sagan - chiamato così in onore dell'astronomo suo grande eroe. Alex ha costruito un razzo e desidera con tutte le forze lanciarlo per poter inviare nello spazio il suo Golden iPod, proprio come Carl Sagan (lo scienziato, non il cane) aveva fatto nel 1977 con il Golden Record: il disco d'oro che porta le voci e i suoni più belli del nostro pianeta agli alieni. Dal Colorado al New Mexico, da Las Vegas a Los Angeles, Alex registra tutto quello che gli accade lungo la strada per mostrare agli extraterrestri com'è la vita sulla Terra, la sua Terra. Ma la destinazione continua a cambiare. E i bizzari, scombinati personaggi che incontra lungo la strada possono prepararlo solo in parte ai segreti che sta per scoprire: dalla verità sul padre perduto molti anni prima al fatto che la sua famiglia è più grande di quanto crede.


RECENSIONE
Vi chiedo perdono: dovevo pubblicare questa recensione già qualche giorno fa, ma sono riuscita a mettermi al pc solo ora.
Gentilmente inviatomi dalla Bompiani, Arrivederci tra le stelle è un romanzo molto breve, molto scorrevole e decisamente molto tenero. Ciò che viene raccontato in questo libro, infatti, viene visto attraverso gli occhi di Alex - un bambino di undici anni, ma che in quanto a responsabilità ne dimostra almeno tredici, come tende spesso a specificare lui - e, talvolta, attraverso quelli di Terra, la sua Terra (non posso dirvi di chi si tratta, altrimenti vi spoilererei un passaggio fondamentale del libro).
Lo stile di scrittura che utilizza Jack Cheng è nuovo e particolare. Ogni capitolo, infatti, è scritto come se il bambino stesse davvero registrando alcune tracce da inviare nello spazio e il titolo di ognuno di essi indica il numero e la durata di ogni registrazione.
Il tema dello spazio e delle stelle non è, però, il tema principale. Durante il viaggio di Alex - che, oltre a essere un viaggio fisico attraverso l'America e il Messico, è anche un viaggio di formazione - vengono, infatti, toccate altre tematiche importanti, come quelle della schizzofrenia, dell'amicizia, della famiglia allargata, della fedeltà.
Ed è proprio il tema della famiglia il fulcro centrale della storia. In tutto ciò che accade nel corso delle pagine di Arrivederci tra le stelle è presente, come protagonista o come semplice comparsa, la famiglia Petroski, con i suoi pregi e i suoi difetti, in modo tale da portare il lettore a scoprire la Verità - concetto fondamentale in questo libro - che si cela dietro alle figure dei genitori di Alex.
Nonostante Arrivederci tra le stelle mi abbia emotivamente coinvolta, mi sarebbe piaciuto che Cheng avesse approfondito maggiormente il tema dello spazio. Inoltre, mi è sembrato che molte situazioni siano state trattate in modo troppo superficiale e rapido.


You Might Also Like

0 commenti: