[Don't judge a book by its movie] Strike - The Cuckoo's Calling

settembre 09, 2017

Buon pomeriggio, bookscatchers!
Finalmente, dopo la recensione de Il richiamo del cuculo e de Il baco da seta (che trovate qui e qui), ecco a voi un bel Don't judge a book by its movie. Ebbene sì, come molti di voi sapranno (per i miei sproloqui qui sul blog o su Instagram, o più semplicemente perché si sono informati), sono usciti i primi tre episodi della serie televisiva Strike, basata sul primo romanzo che porta la firma di Robert Galbraith.






Nonostante abbiano cambiato alcuni avvenimenti secondari ed eliminato o cambiato nome ad alcuni personaggi, promuovo a pieni voti questa serie televisiva. L'ambientazione londinese è assolutamente perfetta, e perfette - secondo me - sono anche le riprese degli interni: è come se il regista si fosse davvero immerso nel romanzo della Rowling e avesse visto ciò che vedevo io, quando, leggendo le pagine del libro, mi immaginavo gli appartamenti, i pub o le strade.
Devo ammettere che quando ho notato che alcuni personaggi erano stati tagliati ho storto un po' il naso, perché non mi piacciono i cambiamenti che obbligano a trasformare alcuni avvenimenti della storia. Capisco che, però, inserire tutti i personaggi e tutti i dettagli descritti dalla Rowling fosse complicato, sia per la brevità della serie tv, sia per non confondere troppo lo spettatore.
Come ho detto un giorno su Instagram, Strike è una serie televisiva molto "silenziosa", ma è proprio grazie a questo silenzio (che ultimamente nelle serie tv è sempre colmato dalla musica o da rumori) che noi spettatori siamo chiamati ad analizzare insieme a Cormoran e Robin gli indizi e a non farci sfuggire nulla dell'indagine che stanno conducendo. Inoltre, anche nel libro il silenzio gioca un ruolo chiave, soprattutto dopo la deposizione di Tansy Bestigui.
Ora, però, prima di passare a parlare dei personaggi principali e dei relativi attori, Rowling, Larkin o chi per esso, spiegami perché il nome della modella Ciara Porter è pronunciato Chiara... mi sarei aspettata una pronuncia a mo' di Lucius o Narcissa in inglese! Ci sono rimasta troppo male.


Cast e personaggi principali

Cormoran Strike, interpretato da Tom Burke, è un investigatore privato con una vita difficile: la sua situazione familiare non è mai stata delle migliori, è pieno di debiti, in Afghanistan ha perso una gamba e ha appena rotto con la sua fidanzata storica.
Nonostante me lo immaginassi un po' più burbero e rozzo, credo che l'ex moschettiere abbia recitato benissimo nel ruolo di Strike.

VOTO: 9/10



Robin Ellacott è la nuova segretaria di Strike. Assegnata all'ufficio dell'investigatore per un breve periodo di tempo da un'agenzia interinale, dimostra di avere grandi doti intuitive e di essere una preziosa risorsa per Strike.
Avevo già visto Holliday Grainger nei panni di Lucrezia Borgia al fianco di Jeremy Irons nella serie televisiva The Borgias e anche in quell'occasione avevo adorato il suo modo di recitare. La sua versatilità, a parer mio, la rende una Robin assolutamente perfetta.

VOTO: 10/10


Anche se la vediamo veramente poco nella serie televisiva, è lei la vera protagonista della storia: Lula Landry. Modella di fama mondiale, bellissima e invidiata da molti, Lula ha alle spalle una storia difficile, di abbandono, infelicità, droghe e alcool. La polizia chiude il suo caso, etichettandolo come suicidio, ma nessuno sa cosa sia realmente successo quella sera al numero 18 di Kentigern Gardens.
Avevamo già incontrato Elarica Johnson, l'attrice che interpreta Lula Landry, in Harry Potter e il Principe Mezzosangue, nei panni di quella povera cameriera che doveva avere un appuntamento con Harry alla fine del suo turno. Come dicevo prima, in Strike è quasi completamente assente; la sua bellezza, però, non passa di certo inosservata e credo che - anche lei - sia perfetta per il ruolo di Lula.

VOTO: 8/10


Infine, altro personaggio chiave di questa storia è John Bristow, fratello adottivo di Lula, che non crede al rapporto della polizia e assume Strike per indagare ulteriormente circa la morte della sorella.
Se devo dirla tutta, me lo aspettavo leggermente diverso, non in quanto ad aspetto - perché è identico a come lo descrive la Rowling -, ma in quanto a carattere. Nonostante questo, credo che Leo Bill abbia fatto un ottimo lavoro nell'interpretazione del suo personaggio.

VOTO: 7/10

You Might Also Like

1 commenti

  1. Serie che, da fan delle pagine di J.K. Ro... pardon, Robert Galbraith, tengo d'occhio dall'annuncio... Recupererò dopo la sessione :D

    RispondiElimina