[Hey, what's up?] Novità Fanucci Editore

gennaio 29, 2017 Laura Franchin 0 Comments



Buongiorno e buona domenica!
Oggi vi propongo un'altra segnalazione. Parliamo di tre libri editi dalla Fanucci Editore: ne leggerete qualcuno?

TITOLO: LA CASA DELLO SCORPIONE
AUTORE: Nancy Farmer
CASA EDITRICE: Fanucci Editore
IN EBOOK DAL: 19 gennaio
PREZZO: 4,99 €
IN LIBRERIA DAL: 26 gennaio
PREZZO DI COPERTINA: 14,90 €

SINOSSI
Campi di papaveri a perdita d’occhio sui crinali delle colline, e schiere di uomini in uniforme a raccoglierne il prezioso nettare. È questo l’impero di El Patrón, potente signore della droga a capo di Opium, una striscia di terra che si estende tra gli Stati Uniti e le regioni che un tempo venivano chiamate Messico. Sono gli eejit a lavorare nei campi, uomini nel cui cervello sono stati installati dei chip che li costringono a una passiva docilità. Ma esistono anche schiavi ben più sottomessi, esseri umani clonati al solo scopo di fungere da serbatoi di organi. Grazie a questa pratica, El Patrón è riuscito ad allungare la sua vita fino ai centoquarant’anni. Matt è l’ultimo dei suoi cloni, cresciuto alla corte del signore di Opium, e ora che è un ragazzo tutti lo vedono come un mostro. Tutti tranne El Patrón, che in lui non scorge altro che sé stesso. Attorniato da una schiera di guardie del corpo e personaggi sinistri, a poco a poco Matt comincia a comprendere quale sia il destino che lo attende. L’unica possibilità di sopravvivenza è la fuga, una fuga che però può rivelarsi alquanto rischiosa. Uno come lui ha un marchio che lo differenzia, e non sospetta quanto questo la renda pericolosa e mortale…
Una storia avvincente e rivelatrice, l’avventura straordinaria di un ragazzo alla ricerca della verità. Un romanzo anticipatore di successi come Hunger Games e Maze Runner.

Romanzo vincitore del National Book Award e dei Newbery e Printz Honor.

❧  ❧  ❧  ❧  ❧  ❧  ❧ 
TITOLO: LA MACCHINA DEL TEMPO
AUTORE: H. G. Wells
CASA EDITRICE: Fanucci Editore
IN EBOOK DAL: 19 gennaio
PREZZO: 3,99 €
IN LIBRERIA DAL: 26 gennaio
PREZZO DI COPERTINA: 10,00 €

SINOSSI
Inghilterra, fine Ottocento. Quando ha raccontato agli amici di aver escogitato un marchingegno per viaggiare attraverso i secoli, nessuno l’ha preso sul serio. Il Viaggiatore del Tempo è un uomo eccentrico, un inventore: difficile prendere per buono tutto quello che la sua mente partorisce. Eppure, le cicatrici sul suo corpo sembrano supportare la veridicità di ciò che racconta: un viaggio in un futuro lontanissimo, in cui si è perso il ricordo del mondo conosciuto, popolato da creature fragili e pacifiche sottomesse a esseri crudeli e ripugnanti che si nutrono della loro carne. I Morlock – così sono chiamate le creature malvagie che abitano gli anfratti oscuri della Terra – hanno tenuto imprigionato il Viaggiatore nella loro dimensione temporale, un universo che nessuna intelligenza avrebbe mai concepito così desolante e inumano. È questa la meta cui conduce il genio più luminoso? È forse questo il destino riservato a coloro che osano superare i limiti di ciò di cui l’uomo è misura? Il viaggio più strabiliante che sia mai stato compiuto, l’avventura folle e visionaria che ciascuno, almeno una volta, ha sognato di intraprendere.
I romanzi di H.G. Wells sono giochi fantastici e, insieme, una lente di ingrandimento sulle paure della società postindustriale; un punto di vista ancora oggi attuale.

PROMOZIONE LANCIO: Dal 19 gennaio al 9 febbraio l'ebook sarà a 1,99 €

❧  ❧  ❧  ❧  ❧  ❧  ❧ 
TITOLO: L'ISOLA DEL DOTTOR MOREAU
AUTORE: H. G. Wells
CASA EDITRICE: Fanucci Editore
IN EBOOK DAL: 19 gennaio
PREZZO: 3,99 €
IN LIBRERIA DAL: 26 gennaio
PREZZO DI COPERTINA: 10,00 €

SINOSSI
Chi mai potrebbe credere alla storia raccontata da Edward Prendick? Stando alle sue memorie, scampato a un naufragio nelle acque del Pacifico, sarebbe stato tratto in salvo da un vascello che trasportava animali esotici, comandato da un capitano dedito all’alcol. Su quel vascello avrebbe conosciuto un tale Montgomery e il suo deforme servitore M’ling, insieme ai quali sarebbe sbarcato su un’isola vulcanica abitata da esseri singolari e spaventosi, a metà tra uomini e bestie. L’unica presenza umana sull’isola sarebbe stata quella del dottor Moreau, uno scienziato specializzato in perversi esperimenti di vivisezione dai quali quelle strane creature avrebbero preso vita. Ma, a quanto racconta Prendick, non tutto sarebbe andato secondo i piani: gli uomini-bestia avrebbero cominciato a maturare una propria coscienza e si sarebbero ribellati al loro creatore. A salvare Prendick da una morte certa quanto atroce, sarebbe stato un battello alla deriva con due cadaveri a bordo, grazie al quale l’uomo avrebbe finalmente ripreso il mare. A Londra, dove è riuscito a tornare, sono in molti a credere che Edward Prendick sia solo un pazzo...
Un’avventura imperdibile ai confini del mondo e della conoscenza.

PROMOZIONE LANCIO: Dal 19 gennaio al 9 febbraio l'ebook sarà a 1,99 €

0 commenti:

[Hey, what's up?] La scelta decisiva - Charlotte Link

gennaio 24, 2017 Laura Franchin 0 Comments


Buongiorno, lettori!
Conoscete l'autrice Charlotte Link? Qui di seguito trovate la segnalazione del suo ultimo romanzo, La scelta decisiva, edito da Corbaccio. Inoltre, se siete degli amanti dei suoi libri, alla fine del post trovate le indicazioni di dove e quando potete incontrare l'autrice.

TITOLO: LA SCELTA DECISIVA
AUTORE: Charlotte Link
CASA EDITRICE: Corbaccio
PAGINE: 428
IN LIBRERIA DAL: 26 gennaio
PREZZO DI COPERTINA: 18,60 €

SINOSSI
Voleva solo essere d’aiuto.
Non sapeva che la sua decisione gli avrebbe cambiato la vita.
Simon sceglie di passare le vacanze di Natale con i figli, nella casa al mare del padre, cedendo ancora una volta all’ennesima richiesta della ex moglie e mettendo alla prova per l’ennesima volta la pazienza della sua nuova compagna. Non solo: i piani all’ultimo momento saltano, e lui si ritrova da solo in un paese nel Sud della Francia, vuoto, triste e piovoso. Incerto sulle prossime mosse, Simon passeggia sulla spiaggia sotto l’acqua quando si imbatte in un alterco fra due uomini e una giovane donna, Nathalie: disperata, senza soldi, senza documenti non sa dove andare e Simon, quasi suo malgrado, le offre ospitalità. Non sa che questa sua decisione lo farà precipitare in un incubo da cui cercherà di uscire seguendo le tracce, macchiate di sangue che conducono fino a Sofia e a un’altra ragazza: Selina. Sullo sfondo di una Francia ferita, in cui si respira ancora l’odore acre della paura degli attentati, le storie di persone apparentemente lontanissime fra loro, per un incredibile inanellarsi di eventi, si intrecceranno in modo drammatico e inaspettato ai destini di Simon e Nathalie a mille chilometri di distanza, in una Bulgaria povera e disperata.
Avvincente, inquietante, sorprendente, La scelta decisiva è la riconferma dell'indiscusso talento di una delle maggiori autrici di thriller contemporanee.


L'AUTRICE
Charlotte Link, nata nel 1963, è una delle scrittrici tedesche più affermate. In Italia Corbaccio ha pubblicato La casa delle sorelleLa donna delle roseAlla fine del silenzioL’uomo che amava troppoLa doppia vitaL’ospite sconosciutoNemico senza volto; la trilogia Venti di tempestaProfumi perdutiUna difficile eredità; L’isola,L’ultima tracciaNobodyQuando l’amore non finisce, Il peccato dell’angelo, Oltre le apparenze, L’ultima volta che l’ho vistaGiochi d’ombraL’inganno (tutti anche in edizione TEA) e il memoir Sei nelle mie parole.


INCONTRA CHARLOTTE LINK
Il 30 gennaio, alle ore 18.30, Charlotte Link sarà al Mondadori Megastore (Spazio eventi 3° piano) di Piazza Duomo (Milano)

0 commenti:

Green - Kerstin Gier

gennaio 23, 2017 Laura Franchin 0 Comments


Buon pomeriggio, bookscatchers!
Dato che mi devo far perdonare per la mia assenza sul blog, causata dallo studio per gli esami della sessione invernale, oggi eccomi qui con due post. Spero che la recensione di Green vi piaccia: buona lettura!

TITOLO: GREEN
AUTRICE: Kerstin Gier
CASA EDITRICE: Corbaccio
PAGINE: 428
PREZZO DI COPERTINA: 16,60 €
EBOOK: 7,99 €
LINK PER L'ACQUISTOQui
Disponibile anche la ristampa da parte della casa editrice TEA. Per tutte le info, cliccate qui.

SINOSSI
"Sono davvero contento di avere chiarito le cose. In ogni caso resteremo sempre buoni amici, giusto?" Quando un ragazzo dice così a una ragazza non è che la renda pazzamente felice. Se poi il ragazzo in questione è Gideon de Villiers, occhi verdi e capelli corvini, Gwendolyn Shepherd, la destinataria del messaggio, si sente precipitare decisamente negli abissi dell'infelicità. E sì, perché, nelle due settimane che le hanno sconvolto la vita, facendole quasi dimenticare di essere una normale studentessa di sedici anni di una normale scuola londinese, Gideon le era sembrato la sua unica ancora di salvezza. Solo da due settimane, infatti, Gwen ha scoperto di essere predestinata a viaggiare nel tempo per portare a termine una missione pericolosissima da cui dipende il destino dell'umanità intera. Una faccenda che, in realtà, non le interessa affatto, diversamente dalla cugina Charlotte, che era convinta di essere lei la predestinata e che era stata educata ad affrontare situazioni e persone di ogni tempo e ogni luogo. Solo per Gideon, il suo compagno di viaggi nel passato, Gwen ha trovato sopportabile l'essere sballottata da un secolo all'altro alla ricerca di un cronografo perduto, ma ora perché dovrebbe continuare a lasciarsi tiranneggiare dall'implacabile setta dei Guardiani? D'altra parte, è vero che a poco a poco sta scoprendo segreti insospettabili sulla propria famiglia che la riguardano molto da vicino...


RECENSIONE
Se mi seguite su Instagram, saprete che ieri sera ho finalmente finito Green, il terzo libro de La trilogia delle gemme di Kerstin Gier. Devo dire che mentre il libro precedente non mi aveva convinto fino in fondo - probabilmente perché era un libro di passaggio -, il capitolo conclusivo della saga mi ha colpita abbastanza positivamente.
Come in Blue, penso che a volte il linguaggio e i pensieri di Gwen siano un po' troppo sdolcinati e che dopo un po' diventino persino irritanti, ma alla fine questa è una saga ya e, quindi, si può dire che sia giustificabile.
Lo stile di scrittura della Gier è, come al solito, scorrevole e divertente: Green è una lettura davvero leggera e si finisce in pochissimo tempo, senza accorgersi dello scorrere delle pagine.
Ho trovato molto toccante la parte in cui Gwendolyn (dopo aver scoperto determinate cose che non dirò per non fare spoiler, ma che sono facilmente intuibili fin dal primo capitolo di Red) rivede Lucy e Paul e la descrizione delle emozioni che la ragazza prova. Inoltre, penso che il punto forte del romanzo stia alla fine, nell'epilogo - sì, dovete leggere proprio tutta la trilogia per rimanere completamente a bocca aperta - perché proprio in quel capitolo tutti i tasselli del puzzle, anche quelli che il lettore non sapeva mancassero, vanno al loro posto. Lo so, è un ragionamento un po' contorto, ma fidatevi di me se vi dico che vale davvero la pena arrivare a leggere fino all'ultima pagina.
Mi sarebbe piaciuto che alcune situazioni venissero approfondite maggiormente - come la storia di Mr. Whitman o la motivazione dell'improvviso aiuto che giunge da Mr. White - oppure che alcune decisioni non venissero prese così frettolosamente dai protagonisti del romanzo (Attenzione SPOILER: insomma, sapete che il conte farà qualcosa quando il cerchio di sangue sarà chiuso, ma non riflettete nemmeno un attimo quando si tratta di inserire il sangue di Gideon, l'unico che manca, nel cronografo originale?).
Nonostante questo, però, in linea di massima sono soddisfatta sia di Green che della trilogia in generale, alla quale darei un voto di tre piume e mezzo su cinque.

Recensione di Red: QUI
Recensione di Blue: QUI

0 commenti:

[Hey, what's up?] Hermanos - Alessandro Bogani & Edoardo Pozzoli

gennaio 23, 2017 Laura Franchin 0 Comments


Buongiorno, lettori!
In questi giorni sono stata contattata da Alessandro Bogani e Edoardo Pozzoli, due giovanissimi autori emergenti. Di seguito trovate la segnalazione del loro romanzo, Hermanos: dategli un'occhiata, perché secondo me ne vale davvero la pena.

TITOLO: HERMANOS
AUTORIAlessandro Bogani & Edoardo Pozzoli
CASA EDITRICE: Inspired Digital Publushing
GENERE: Western
FORMATI: eBook, ePub e Mobi
PREZZO DI COPERTINA: 1,99 €
LINK: Qui

SINOSSI
America, fine dell’ottocento. Un pistolero eccellente poco riflessivo e molto esuberante, uno stratega infallibile e di poche parole, un ex-soldato americano pavido e pigro ed un medico senza le giuste qualifiche, ognuno in cerca della propria strada, si ritrovano in fuga dall’Arizona verso il Messico.
Ricercati con l’accusa di furto di un carico d’oro sia dall’esercito Americano che da quello Messicano e con la certezza della fucilazione in caso di cattura, si trovano costretti a mettersi sulle tracce dei veri responsabili che li hanno volontariamente cacciati in quella spiacevole situazione.
Una volta scoperta la destinazione dei lingotti e dei veri ladri, il gruppo avrà ancora il coraggio di cercare vendetta per la falsa accusa e di impossessarsi dell’oro?


GLI AUTORI
Alessandro Bogani nasce nel 1995 in provincia di Milano, ha conseguito il diploma di maturità scientifica ed è attualmente iscritto al corso di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche. L’interesse per la letteratura si manifesta con forza durante gli ultimi anni di liceo, tanto da far nascere in lui il desiderio di sperimentare in prima persona il mestiere dello scrittore. Ha un debole per la fantascienza di Asimov e per quei libri dal sapore “terroso” come La strada, Il buio oltre la siepe e Furore, ma il suo sogno è di sperimentare e rivisitare quanti più generi letterari possibili, dal western alla fantascienza, confrontandosi con essi da scrittore per conoscerli meglio. Oltre alla letteratura, le sue passioni sono la musica, la cinematografia e la fisica, interessi che spesso s’intrecciano e vanno a contaminare ciò che scrive.

Edoardo Pozzoli nasce nel 1995 a Desio, una cittadina vicino alla metropoli milanese. Attualmente è iscritto al corso di laurea in Economia e gestione dei beni culturali, all'Università Cattolica di Milano. Sogna un'Italia che sappia valorizzare al massimo i suoi beni culturali, dai parchi archeologici alle mostre di arte contemporanea, cercando di dare un valido contributo a questa causa. Amante di gran parte dei generi letterari sin da piccolo, ha sempre avuto una predilezione per quello storico/narrativo, spaziando dalle epoche antiche fino a quelle più contemporanee. Appassionato di cinema, si è affacciato da qualche anno al mondo dei fumetti Bonelli, e spera di far tornare il genere western italiano nella vita degli italiani, con uno stile audace e moderno.

0 commenti:

Coraline - Neil Gaiman & P. Craig Russell

gennaio 18, 2017 Laura Franchin 0 Comments


Buon pomeriggio, bookscatchers!
Avrei dovuto scrivere questa recensione già da un bel po', ma lo studio in questa settimana mi ha portato via un sacco di tempo e, quindi, solo ora trovo un momento per mettermi davanti al pc e di parlarvi del graphic novel di Coraline. Buona lettura!

TITOLO: CORALINE
AUTORE: Neil Gaiman
CASA EDITRICE: Nicola Pesce Editore
GENERE: Graphic novel
PAGINE: 186
PREZZO DI COPERTINA: 20,00 €
LINK PER L'ACQUISTOQui

SINOSSI
Attraversando una porta nella casa in cui la sua famiglia si era appena trasferita, Coraline scopre un'altra casa stranamente simile alla sua, ma migliore. All'inizio sembra tutto meraviglioso: il cibo è molto buono e la scatola dei giocattoli è piena di angeli a molla e di teschi di dinosauro che strisciano per terra e battono i denti. Ma ci sono anche un'altra madre e un altro padre che vogliono che lei rimanga lì e sia la loro bambina. Vogliono trasformarla e tenerla per sempre con loro. Coraline dovrà usare tutta la sua intelligenza e lottare con ogni mezzo per salvarsi e tornare, finalmente consapevole, alla sua vita di tutti i giorni.


RECENSIONE
Prima di parlarvi di Coraline, voglio raccontarvi un aneddoto.
Avevo adocchiato questo graphic novel in una fumetteria in un paese vicino al mio e ogni volta che entravo in quel negozio con il mio ragazzo lo prendevo in mano, me lo sfogliavo e guardavo le sue bellissime tavole, assaporando il momento in cui sarebbe stato finalmente mio. Pochi giorni prima di Natale, Fabio - il mio ragazzo - quando è venuto a casa mia mi ha detto che era andato in fumetteria e che aveva visto che Coraline era stata venduta. Vi lascio immaginare la tristezza che mi ha assalito quando me l'ha detto, perché io, da ingenua, non ho minimamente pensato che l'avesse comprata lui per regalarmela a Natale. Tutto questo per dire: grazie, amore, perché mi hai reso la persona più felice dell'universo.
Ora davvero la smetto di scrivere a vanvera e procedo con la recensione.
Quella di Coraline è la tipica storia "alla Neil Gaiman": intrigante, inquietante, assurda e assolutamente geniale.
Coraline si è appena trasferita in una nuova casa e ha un rapporto molto difficile con i suoi genitori: nel corso della storia si vede che loro le vogliono molto bene (basti pensare solo a quando suo papà "si sacrifica" per far sì che le api non la pungano), ma fanno molta fatica a esternare i loro sentimenti, essendo sempre super presi dal loro lavoro. Per questo motivo, mi sento di dire che il punto forte della vicenda non è solo il percorso che intraprende Coraline e la sua battaglia nell'Altro Mondo, ma anche il cambiamento e la crescita del rapporto tra la ragazzina e i suoi genitori.
Le tavole di Coraline sono stupende: i colori sono perfetti per ogni situazione e l'atmosfera è sempre un po' cupa - come è giusto che sia. Sono rimasta affascinata da ogni singolo disegno, perché ognuno di essi è particolareggiato e molto realistico: sembra di essere davanti a un film di animazione, non a un graphic novel. Inoltre, ho davvero amato il modo in cui P. Craig Russell ha rappresentato l'Altra Madre, perché è davvero, davvero, davvero inquietante.
L'unica cosa che mi porta a dargli quattro piume e non cinque è il fatto che, secondo me, proprio a causa della sua natura di graphic novel, in alcune scene la tensione viene smorzata troppo e non c'è quella suspense che ti fa rimanere incollata alle pagine dei romanzi di Gaiman.
In conclusione, ora che ho letto il graphic novel e ho visto il film (anch'esso abbastanza inquietante, come molti film di Tim Burton), devo assolutamente leggere il romanzo.


0 commenti:

Il segno della croce - Glenn Cooper

gennaio 08, 2017 Laura Franchin 0 Comments


Buongiorno, lettori!
Purtroppo anche le vacanze di Natale sono finite e io non sono riuscita a leggere tutto ciò che avevo in mente (shame on me!); ieri sera, però, ho finalmente terminato Il segno della croce di Glenn Cooper, di cui di seguito vi lascio la mia opinione, e ho iniziato - e praticamente finito - il graphic novel di Coraline di Neil Gaiman: stay tuned per la recensione di quest'ultimo.

TITOLO: IL SEGNO DELLA CROCE
AUTORE: Glenn Cooper
CASA EDITRICE: Editrice Nord
PAGINE: 416
PREZZO DI COPERTINA: 19,90 €
EBOOK: 9,99 €
LINK PER L'ACQUISTO: Qui

SINOSSI
Intorno a loro, si apre l’infinito deserto di ghiaccio e vento dell’Antartide. Dopo ore di faticoso cammino, il gruppo di uomini raggiunge il punto segnato sulla mappa. E lo individuano: l’ingresso di una caverna scavata decenni prima da chi li ha preceduti in quel continente disabitato. Quando entrano, in religioso silenzio, si trovano davanti un museo ideato per conservare reperti che il mondo crede perduti per sempre. Ma quegli uomini sono arrivati lì per due oggetti soltanto. E adesso li stringono tra le mani. Ne manca ancora uno, poi l’alba di una nuova era sorgerà sul mondo. 
In un piccolo paese dell’Abruzzo, un giovane sacerdote si alza dal letto. Il dolore è lancinante. La fasciatura intorno ai polsi è intrisa di sangue. Con cautela, il prete scioglie le bende. Le sue suppliche non sono state esaudite, le piaghe sono ancora aperte. Il sacerdote chiude gli occhi e inizia a pregare. Prega che gli sia risparmiata quella sofferenza. Che gli sia data la forza di superare quella prova. E che nessuno venga mai a conoscenza del suo segreto.
Una ricerca iniziata quasi 2000 anni fa e giunta solo oggi a compimento. Un’ossessione sopravvissuta alla guerra che segnerà il destino di tutti noi. Una storia la cui parola «fine» sarà scritta col sangue…
Questo romanzo è un invito. Un invito a vivere un’avventura appassionante, ricca di mistero e svolte inaspettate. Ma anche un invito a esplorare l’indistinta linea di confine che separa Storia, religione e scienza, un territorio ambiguo e affascinante che Glenn Cooper ci ha fatto conoscere – e amare – fin dai tempi del suo fortunatissimo esordio narrativo, La Biblioteca dei Morti.


RECENSIONE
Prima di cominciare la recensione vera e propria de Il segno della croce di Glenn Cooper, devo fare una premessa: alla fine farò sicuramente un piccolo paragone con i suoi romanzi precedenti. So che bisognerebbe prendere i libri singolarmente, ma, secondo me, se un autore inizia a scrivere più di un romanzo il confronto con gli altri è inevitabile. Detto ciò, cominciamo.
La storia narrata ne Il segno della croce è molto intrigante e coinvolgente. Ciò che mi ha colpito è il fatto che 400 pagine siano scorse in un batter d'occhio, senza che me ne accorgessi. Inoltre, due caratteristiche che amo di questo autore sono innanzitutto il fatto che riesca a saltare da un periodo a un altro con una facilità incredibile e senza confondere il lettore, e poi la sua capacità di interrompere la narrazione nel momento perfetto, in modo tale da mantenere viva l'attenzione di chi ha in mano il libro: non sapete quante volte ho detto "Solo un altro capitolo e poi vado a letto"... Povera illusa!
L'ultimo romanzo di Glenn Cooper è un thriller che unisce religione e fisica, nazismo e cristianesimo; le parti in cui si utilizza l'entanglement quantistico (non chiedetemi cos'è, perché anche dopo 400 pagine è probabile che io non sappia spiegarvelo) per motivare determinati fenomeni mi sono sembrate un po' troppo forzate, ma alla fine la particolarità del libro sta anche in questa miscela di fede e scienza.
Ho apprezzato il fatto che in alcune pagine siano citate in nota le fonti e i documenti storici da cui l'autore ha preso alcuni passaggi, ma devo ammettere che in alcuni punti i fatti mi sono sembrati un po' troppo esagerati, come se lo scrittore volesse fare una sorta di iperbole di quello che potrebbe accadere se qualcuno dovesse ritrovare le stesse reliquie che vengono scoperte ne Il segno della croce. Inoltre, mi aspettavo un finale leggermente diverso. Non che non mi sia piaciuto - anzi, i colpi di scena mi hanno tenuta attaccata alle pagine -, però lo avevo immaginato più aperto, come nelle altre storie di questo scrittore. Non posso dire altro, altrimenti farei qualche spoiler.
In conclusione, il ritrovamento delle reliquie e il fattore spirituale presenti in tutto il romanzo sono molto interessanti e perfetti per un libro di Glenn Cooper - essi, infatti, sono ripresi anche ne Il marchio del diavolo e ne Il calice della vita -, ma devo dire che questo thriller non mi ha affascinato tanto quanto La biblioteca dei morti o il già citato Il marchio del diavolo.



0 commenti:

[Hey, what's up?] Il museo dell'inferno & Quando cala la nebbia rossa

gennaio 05, 2017 Laura Franchin 0 Comments


Buongiorno, bookscatchers, e buon anno!
Avrei voluto postare una bella recensione come primo post del 2017, ma, ahimè, lo studio mi sta portando via tantissimo tempo e riesco a leggere solo di sera. Mi mancano poco più di 100 pagine per terminare Il segno della croce di Glenn Cooper (quindi vi prometto che tra pochissimi giorni vi dirò la mia opinione), ma per ora vi dovrete "accontentare" di un Hey, what's up?.

TITOLO: Il museo dell'inferno
AUTOREDerek Raymond
CASA EDITRICE: Fanucci Editore - TimeCrime
DISPONIBILE DAL: 5 gennaio (in eBook) oppure 19 gennaio (in libreria)
PREZZO DI COPERTINA: 16,90 €
EBOOK: 4,99 €

SINOSSI
Quali abissi deve aver attraversato l’anima di un uomo capace di fare a pezzi i corpi delle proprie vittime per ricomporli poi con dedizione maniacale, estatica, come un artista che plasmi la sua materia per l’allestimento di una galleria degli orrori? È la domanda che il sergente della sezione Delitti irrisolti dovrà porsi se vorrà venire a capo di un’indagine in cui si ritrova quasi per caso ma che con i sui lacci logori rischia di intrappolarlo. Donne che scompaiono, sospetti che il più delle volte sembrano infondati, strani e indecifrabili comportamenti, identità improbabili, destinate a rivelarsi false: sono questi gli elementi in mano al sergente. A lui e ai suoi uomini spetta addentrarsi nel mondo che ha nutrito il serial killer, tra le nebbie di un’apparente normalità che invece cela tra le sue pieghe l’orrore, e dove la violenza trova il suo compimento più aberrante. Un viaggio angosciante e pericoloso, percorso tra i corridoi bui di un museo labirintico in cui mai saremmo voluti entrare, e dove le uniche luci sono quelle che illuminano la violenza più cieca.
Il quinto volume della serie Factory, una guida nel Museo dell’inferno, attraverso i corridoi più oscuri di una mente omicida.


❧  ❧  ❧  ❧  ❧  ❧  ❧ 

TITOLO: Quando cala la nebbia rossa
AUTOREDerek Raymond
CASA EDITRICE: Fanucci Editore - TimeCrime
DISPONIBILE DAL: 12 gennaio (in eBook) oppure 19 gennaio (in libreria)
PREZZO DI COPERTINA: 16,90 €
EBOOK: 4,99 €

SINOSSI
L’esistenza che Gust ha scelto per sé è quella del criminali solitario, indurito dalla strada ma non estraneo a una propria regola morale, che gli impone di cercare la linea sottile che separa il bene dal male. Proprio come il sergente della sezione Delitti irrisolti, ma dall’altra parte della barricata. Ora è in libertà vigilata, ma il richiamo di un lavoro all’apparenza semplice e con parecchi soldi in ballo è troppo forte: quella è la sua vita e quello il suo destino. Stavolta, però, dietro a quello che sembrava un semplice furto di passaporti si nascondono affari con cui è molto più facile scottarsi. Alcuni missili a testata nucleare sono scomparsi dai depositi dell’esercito sovietico, mettendo in allarme i servizi segreti di mezzo mondo, la criminalità organizzata e gli ambienti deviati all’interno delle forze dell’ordine di Sua Maestà. In questo azzardo pericoloso, da cui non si esce se non dopo aver fatto saltare il banco, Gus dovrà imparare in fretta a calibrare le proprie mosse e a capire chi bluffa, perché la posta in palio è più ben alta di quella che è abituato a scommettere.
L’ultimo capitolo della serie Factory, il ritratto imparziale e rivelatore di un criminale legato indissolubilmente al proprio destino.

0 commenti: