[Hey, what's up?] D'amore e baccalà - Alessio Romano

marzo 24, 2018

Buongiorno, bookscatchers!
Il week-end è arrivato e - per me - sono giunte anche le vacanze di Pasqua. Non vedevo proprio l'ora di questo momento per staccare un po' la spina e leggere i libri che ho in arretrato (che cercherò di infilare tra un manuale di marketing e una dispensa di editoria).
Oggi sono qui per parlarvi di un libro che trovate nei punti vendita da ieri: D'amore e baccalà, ultimo libro pubblicato da NN Editore e scritto da Alessio Romano. Siete amanti di Lisbona e del Portogallo? Allora non potete lasciarvi sfuggire questa perla.



TITOLO: D'AMORE E BACCALÀ
AUTORE: Alessio Romano
CASA EDITRICE: EDT
COLLANA: Allacarta
PAGINE: 176
PREZZO DI COPERTINA: 8,90 €
IN LIBRERIA: 22 marzo 2018

SINOSSI
Innamorarsi a Lisbona – con la sua luce, l’oceano, l’arte – è facilissimo.
Succede ad Alessio, che in una tasca – tra un piatto fumante di bacalhau e le dolci note di un fado – incrocia lo sguardo della cameriera Beatriz, croce e delizia di questo viaggio tra i sapori più autentici della capitale del Portogallo.
D’amore e baccalà ha come protagonista la più poetica delle capitali europee, la città di Pessoa e di Tabucchi. Lisbona è certo un crocevia di vite, di razze, di suoni e d’arte, ed è qui che un giovane scrittore, alter-ego dell’autore, si stabilisce in un piccolo appartamento di rua do Recolhimento, pronto alla fatica enciclopedica di assaggiare ogni sfumatura della cucina portoghese, a partire dal suo piatto principe: il baccalà.
Ma una inaspettata caduta dal Tram 28 fa prendere subito una piega diversa alla storia.
In un misto di sogno e realtà, Alessio troverà sulla sua strada – tra gli altri – Fernando Pessoa e la grande fadista Amália Rodrigues, Antonio Tabucchi e Ilsa Lund, il personaggio interpretato da Ingrid Bergman di Casablanca... tutto in una girandola di esperienze appassionanti che cominciano sempre a tavola, con un piatto fumante, una buona storia, e un “Silencio! Que se vai cantar o Fado!”
Nel racconto fresco e allo stesso tempo sentimentale c'è spazio per il divertimento e per l'allegria ma anche per la saudade e la delusione, così come si fa spazio per un'alheira (una salsiccia di carne bianca) o per un piatto di bacalhau espiritual, da accompagnare con una ginjinha (il celebre liquore alla cicliegia) o con una birra imperial.
In questo libro – che è a suo modo un canto d'amore per la città e per la sua letteratura – ci si perde volentieri, sicuri che tutto finirà in un nuovo inizio, in un nuovo assaggio.

You Might Also Like

0 commenti